Nikola Tesla e le sue straordinarie intuizioni

Nikola Tesla e le sue straordinarie intuizioni

23 Dic 2017 0 Di Admin A.

La stragrande maggioranza delle persone, soprattutto giovani, ignorano nel modo più assoluto la vita e l’operato di persone come Nikola Tesla ed altri grandi scienziati del suo calibro. Persone che hanno contribuito a formare il mondo in cui viviamo con scoperte ed invenzioni a dir poco eccezionali.

 

Nikola Tesla

 

Questo articolo è dedicato a Nikola Tesla, una mente brillante, un genio, probabilmente arrivato con parecchi decenni di anticipo su questa terra e che, per colpa dell’avidità e la stoltezza dell’uomo, non ha potuto compiere opere che avrebbero cambiato e migliorato ulteriormente la vita di tutti noi.

 

 

Chi era Nikola Tesla

 

Nikola Tesla (Smiljan, 10 luglio 1856 – New York, 7 gennaio 1943) è stato un ingegnere elettrico, inventore e fisico. Anche se all’epoca fu considerato una sorta di scienziato pazzo, le cui invenzioni avrebbero addirittura distrutto il mondo.

 

E’ interessante però sapere che è merito suo se oggi adoperiamo la corrente alternata o la radio.

 

Nikola Tesla ha fornito significativi contributi nel campo dell’elettromagnetismo. E’ infatti sui suoi studi e brevetti che si basa l’odierno sistema di distribuzione dell’energia elettrica alternata. Fu anche nominato uno dei più grandi scienziati statunitensi e a lui è stata attribuita l’unità di misura del campo magnetico che si indica con la “T” di Tesla, appunto.

 

corrente alternata

 

Ricordiamo questo scienziato anche per le sue teorie rivoluzionarie tra le quali “il raggio della morte” oppure la teoria della distribuzione dell’energia elettrica senza l’ausilio di cavi conduttori.

 

Tuttavia, dal genio di Tesla, scaturirono oltre a brillanti invenzioni ed oltre 100 brevetti, anche delle “manie”. Come quella di salvare piccioni feriti, la totale repulsione verso i gioielli e le donne con gli orecchini, o la convinzione di ricevere messaggi da entità viventi nello spazio.

 

Morì nel 1943, in una camera d’hotel a New York, solo e abbandonato da quel mondo che egli stesso aveva contribuito a far splendere, dopo aver proposto 3 giorni prima al governo degli Stati Uniti la sua idea del “raggio della morte”.

 

Al momento della sua morte, l’ FBI sequestrò tutti i suoi appunti e i suoi taccuini, dichiarandoli come top secret.

Ancora oggi dunque, non sappiamo realmente a quali conclusioni arrivò Nikola Tesla e quali straordinari cambiamenti avrebbe apportato al mondo, se solo il fato fosse stato più generoso con lui.

 

Convinciamoci dell’idea che egli sia arrivato troppo presto, che l’umanità non era pronta alle sue invenzioni. Che le sue idee verranno capite dagli essere umani in un futuro, ci auguriamo, più prossimo possibile.

 

 

“L’umanità ha avuto l’occasione di cambiare la sua sorte, ma l’ha rifiutata. Ed io, sto ancora aspettando.” 

Nikola Tesla

 

 

La bobina di Tesla

 

Bobina di Tesla

 

Una delle sue più brillanti invenzioni è sicuramente la “bobina di Tesla“, un dispositivo in grado di elevare una tensione relativamente bassa in modo esponenziale.

 

Grazie a questa invenzione Tesla suppone di poter distribuire l’energia elettrica attraverso l’etere, trasformando cosi il pianeta in un’enorme “spina”.

 

Si recò in Colorado, dove costruì il suo laboratorio, una sorta di centrale con all’interno dei generatori elettrici ed accanto una torre alta ben 25 metri. All’interno di questa struttura albergava la sua enorme bobina. Ricavava quindi l’elettricità naturale del territorio, ed inserendola nel suo dispositivo, la bobina riusciva a produrre qualcosa come 12 milioni di Volt. Tesla dimostra così la possibilità di trasferire l’elettricità senza fili.

 

C’è da dire inoltre che l’energia elettrica prodotta dalla bobina di Tesla non è nociva per gli umani, proprio come le onde radio. Il successo di questo esperimento lo convinse della fattibilità delle sue idee, tant’è che iniziò a cercare fondi per costruire una bobina ancora più grande.

 

Nel contempo, Guglielmo Marconi invia il suo segnale radio, che attraversa con successo tutto l’oceano Atlantico. Sebbene a quei tempi la paternità di questo successo scientifico fu attribuita a Marconi, c’è da sapere che questo fu possibile grazie a ben 17 brevetti di Nikola Tesla.

 

Tesla non solo non viene riconosciuto come padre della radio, ma il suo nuovo progetto di una bobina alta 52 metri, viene accantonato a causa della scoperta di Marconi.

 

 

” Il mondo non è ancora pronto. E’ un progetto troppo in anticipo sui tempi, eppure alla fine le autorità stesse lo sosterranno e ne decreteranno il successo”.  

Nikola Tesla

 

 

La corrente Alternata

 

Nel 1881 mentre cammina con un amico in un parco, Tesla ha un’intuizione. Un nuovo tipo di motore, che disegna subito nella terra. Quel disegno, cambiò la storia dell’uomo, per sempre.

 

Così brevettò il motore a induzione, che diventa in seguito il modello base per qualsiasi motore elettrico al mondo.

 

Nel 1884 Tesla si reca in America, e con una raccomandazione del suo capo, lavora per Tomas Edison che gli chiede di riprogettare i generatori della sua azienda, per un bonus in denaro di bel 50mila dollari. Eseguito il lavoro, non venne ricompensato come promesso. Nikola Tesla si dimette.

 

Inizia cosi una faida tra il giovane studioso e l’affermato inventore, Edison.

A quei tempi, il sistema elettrico considerato più efficiente era quello a corrente continua (CC), di cui Tomas Edison era il maggior investitore. Ma Tesla intuì che ci dovesse essere un modo meno dispendioso di distribuire l’energia elettrica.

 

Cosi nel 1887 registra 7 brevetti grazie ai quali riesce a creare un nuovo sistema meno costoso e meno dispendioso: la corrente alternata.

 

corrente alternata

 

Il sistema che tanti anni fa Tesla elaborò, è oggi il sistema di distribuzione della corrente elettrica più diffuso al mondo.

 

Se il corso della storia non avesse dato a Nikola Tesla l’opportunità di scoprire la corrente alternata, probabilmente oggi non avremmo le comunicazioni senza fili e le risorse che utilizziamo per la fornitura di energia elettrica, non sarebbero sufficienti nemmeno per compensare le perdite sui conduttori dei cavi di trasmissione.

 

” Lasciamo al futuro dire la verità e valutare ogni invenzione in base alla sua reale efficacia. Il presente è in mano loro ma il futuro,  che è ciò per cui io davvero lavoro, appartiene a me.”  

Nikola Tesla

 


invenzioni

 

 

Segui la nostra sezione dedicata, per saperne di più sulle grandi menti del passato e le loro straordinarie invenzioni: clicca qui!