Costruire un drone: configurazione scheda di volo

Costruire un drone: configurazione scheda di volo

8 Ago 2018 2 Di Admin A.

Come promesso nel precedente articolo dedicato all’assemblaggio delle componenti di un drone, adesso ci occuperemo della configurazione della scheda di volo Crius ALLinONE per poter successivamente eseguire le dovute calibrazioni e il primo volo.

 

Scheda di volo Crius all in one

 

FASE 1: software di volo

 

Innanzitutto bisogna scaricare il software di volo, editarlo e configurarlo per il tipo di drone e gli accessori che possediamo.

Dopodiché tale software dovrà essere caricato sulla scheda di volo Crius All in One.

 

Per fare ciò ci occorre:

  • un programma per editare e caricare il software
  • il software di volo, ovvero MultiWii

 

 

Il software MultiWii

 

Multiwii è un codice scritto in C++, compatibile con una grande varietà di schede di volo che basano il loro funzionamento su un chip della famiglia ATMEL con struttura AVR.

In particolare la scheda di volo Crius è equipaggiata con un microcontrollore ATMEGA2560 appartenente alla famiglia ATMEL, il ché la rende perfetta per l’utilizzo del software MultiWii.

 

Arduino IDE

 

ATMEL è famosa per aver prodotto la gamma di microcontrollori montati sulle piattaforme di sviluppo Arduino. Il compilatore che andremo ad utilizzare per editare e caricare Multiwii sarà proprio l’IDE di Arduino.

 

 

Dunque, scarichiamo l’ultima versione di Arduino.

Poi il software di volo Multiwii, che puoi trovare qui.

 

 


ATTENZIONE:  PRIMA DI ALIMENTARE LA SCHEDA O EFFETTUARE QUALSIASI MODIFICA BISOGNA ASSICURARSI CHE NON VI SIANO LE ELICHE SUI MOTORI.


 

FASE 2: configurazione software di volo

 

Per prima cosa apriamo ed espandiamo il file .zip “Multiwii”, poi apriamo l’IDE di Arduino.

 

Dall’IDE, clicchiamo su “Apri”:

 

Apertura software di volo in Arduino

 

 

e selezioniamo all’interno della cartella “MutliWii_2_3”, la sottocartella “MultiWii” e quindi il file “MultiWii.ino”.

 

Apertura software di volo in Arduino

 

 

Ci troveremo difronte ad un codice formato da più schede: a noi per il momento interessa modificare il file “config.h”.

Dunque tra le schede che vediamo in alto, selezioniamo quello citato.

 

Serie di schede - Arduino

 

 

In questo file sono presenti tutte le definizioni che, oltre a definire i parametri fondamentali del drone, abilitano e disabilitano funzionalità e accessori.

 

Le voci disabilitate sono precedute dai simboli ” \\“, che indicano commenti all’interno del codice e non vengono considerate dal compilatore durante il caricamento.

Dobbiamo quindi “decommentare” (ovvero eliminare i simboli “\\”)  le voci di cui abbiamo bisogno per abilitarle.

 

 

“The type of multicopter” 

 

Per prima cosa, nel paragrafo “The type of multicopter” decommentiamo la riga relativa a “QUADX“, che identifica la configurazione che abbiamo scelto per redigere questa guida.

 

Il tipo di multicopter - riga "QUADX"

 

 

“Motor minthrottle”

 

Nel paragrafo “Motor minthrottle” decommentiamo la riga “#define MINTHROTTLE 1064” che indica invece gli Esc utilizzati per questa guida:

 

Motor minthrottle - riga "MINTHROTTLE 1064"

 

 

“Schede IMU combinate”

 

Cerchiamo ora il paragrafo “Combined IMU Boards”:

 

Paragrafo Combined IMU Boards

 

 

e scorriamo fino ad individuare la voce ” #define CRIUS_AIO_PRO_V1“.

Per selezionare quindi la scheda che ci interessa, decommentiamo tale voce:

 

Schede IMU combinate: riga "CRIUS_AIO_PRO_V1"

 

 

 

 

 

ARM / DISARM”

 

Per ultimo, ma non meno importante, cerchiamo il paragrafo “Arm/Disarm” e assicuriamoci che sia tutto come in foto.

Questa riga infatti, imposta il modo in cui attivare il drone.

In questo caso, la scheda avvierà i motori quando lo stick dello “YAW” sarà a fine corsa.

 

ARM / DISARM: riga "ALLOW_ARM_DISARM_VIA_TX_YAW

 

 

 

 

 

 

FASE 3: caricamento scheda di volo

 

Una volta configurata la scheda, possiamo procedere al caricamento.

Colleghiamo dunque la Crius al pc, e selezioniamo dal gestore schede di Arduino quella corretta.

 

Selezione scheda di volo corretta su Arduino

 

 

e carichiamola:

 

Caricamento scheda di volo corretta su Arduino

 

 

Se tutto è andato secondo i piani, adesso sulla scheda di volo è presente il software MultiWii e avrà emesso qualche suono relativo al settaggio degli Esc.

 


Radiocomando Turnigy-9x

 

 

Nel prossimo articolo… il radiocomando!

 

Nel prossimo articolo analizzeremo il radiocomando, le sue funzionalità e i vari settaggi.

 

Continua a seguirci e iscriviti alla nostra newsletter  per ricevere una notifica alla pubblicazione del prossimo articolo!

Se sei appassionato di dronistica, visita la nostra sezione dedicata!